Pasqualina, simbolo di speranza

Nella tendopoli di Villa Sant’Angelo, la Protezione civile dell’Emilia Romagna ha allestito un’infermeria in cui operano veterinari volontari che visitano cuccioli bisognosi di assitenza.
Si tratta di animali duramente provati dalla tragedia del terremoto che ha messo in ginocchio il cuore dell’Abruzzo. Animali disorientati e feriti, molti dei quali sono rimasti senza padroni: dopo il terremoto almeno 8.000, tra cani e gatti, risultano dispersi o in stato di abbandono.
Fortunatamente una bella notizia è arrivata proprio il giorno di Pasqua: è stata ritrovata viva dopo 8 giorni una cagnetta che i soccorritori hanno chiamatio Pasqualina.
Las cagnolina che è stata liberata dalle macerie dai vigili del fuoco appartiene a una coppia di coniugi romani che si sono salvati miracolosamente dalla tragedia molti giorni addietro. La cagnetta si lamentava da venerdଠscorso e una volta libera è stata affidata alla Lida, Lega protezione diritti animali. Dopodichà© è tornata fra le braccia dei suoi padroni, fra la commozione generale.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica:

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>