Viaggiare eco

Sapete quanto inquina l’aria condizionata? E che volare di notte invece che di giorno aumenta l’effetto serra? O che utilizzare la toilette in aereo inquina quanto percorrere 10 chilometri in auto?  E' uscito ieri in libreria Il Piccolo Libro Verde dei Viaggi - 250 consigli ecosostenibili, scritto da Federica Brunini. Il testo snocciola curiosità, dritte e strategie eco-oriented utili a partire con la coscienza “verde” e vivere in viaggio rispettando l’ambiente. Giornalista e fotografa giramondo, Federica scrive di viaggi e va a caccia di tendenze per le principali testate italiane. Si definisce Bioneer della prima ora, ovvero pioniera del fenomeno eco-bio, è autrice di guide turistiche. "Viaggiare eco? Difficile, ma non impossibile - dichiara Brunini - dalla scelta dei mezzi e degli alberghi all’alimentazione, dai souvenir all’abbigliamento, dalle fotografie ai bagagli, il mio libro raccoglie ben 250 consigli pratici e semplici da seguire per spostarsi nel mondo Continua

Incontri all’insegna della biodiversità

ROMA. Continuano al museo civico di zoologia gli happy hours dedicati alla fauna in pericolo di estinzione. Questo pomeriggio (giovedì 8 aprile), appuntamento con Dainilo Mainardi che presenta il libro 'Animali intelligenti'. Gli incontri con gli esperti di settore si svolgono in maniera informale, sotto forma di aperitivo. Per partecipare è sufficiente prenotare al numero 06.67109270. L'ingresso è gratuito. Programma: giovedì 22 Aprile ore 18 'La sfida di conservare i grandi Carnivori in Europa' con Luigi Boitani; giovedì 6 Maggio ore 18 'Inventariare oggi la Biodiversità' con Alberto Zilli; giovedì 20 Maggio ore 18 'L’iguana rosa delle Galapagos' Gabriele Gentile; giovedì 3 Giugno ore 18 'Biodiversità, Ecologia e Conservazione dei Pipistrelli' con Danilo Russo. Sede: Museo Civico di Zoologia, in via Ulisse Aldrovandi 18 (Villa Borghese) Mainardi è professore ordinario di ecologia comportamentale presso la Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche Naturali dell'Università Continua

Clima & Bistecche, uno scenario apocalittico

Nell'articolo intitolato "Meet the new meat: Tissue engineered skeletal muscle" pubblicato su  Trends in Food Science & Technology si parla di usare i bioreattori per generare carne. Fra 10 anni forse non ci sarà più alcun bisogno di allevare animali.  Si tratta di un nuovo approccio per la produzione di carne in grado di ridurre se non azzerare i rischi di malattie infettive degli animali e dell'inquinamento ambientale attraverso emissioni di gas a effetto serra. La dottoressa Marloes Langelaan dell'Università di Eindhoven in Olanda spiega i criteri per coltivare le cellule muscolari di maiale, pollo o bovino (come già si fa con la birra, lo yogurt e l'insulina), per aumentare la fattibilità della produzione di carne in vitro, che comprendono la ricerca di una fonte adeguata di cellule staminali e di essere in grado di crescere in un ambiente tridimensionale all'interno di un bioreattore. Al progetto dei biologi olandesi si è interessata anche la NASA, perché generare carne Continua