La fiera di Sant’Antonio Abate e la benedizione degli animali

Il 17 Gennaio è la festa di Sant’Antonio Abate, santo protettore degli animali domestici, che da secoli secondo la tradizione ha il potere di guarire e proteggere dalle malattie. Sant’Antonio Abate è anche il patrono di alcune località italiane, che in suo nome organizzano importanti feste, nelle quali gli animali sono sempre protagonisti. Classicamente le icone hanno sempre rappresentato il santo in compagnia di un maiale con una campanella al collo, da qui la tradizione di benedire inizialmente solo i maiali, che con il passare del tempo poi si è allargata a tutti gli animali domestici. Nelle feste odierne dedicate a questo santo tutti possono portare il proprio animale domestico per ricevere la benedizione. Una giornata all’insegna dei nostri amici domestici e non solo, è quella che si tiene a Loreto la domenica che segue e precede il giorno preciso della ricorrenza. La fiera di Sant’Antonio Abate qui è una tradizione a cui tengono molto i cittadini, e da tanti anni Continua

A Pasqua scarta e gusta le uova pet friendly di Bauli.

Finalmente mangiare cioccolato senza sentirsi in colpa, anzi! Le uova pasquali Bauli sono più buone perché aiuteranno gli opsiti pelosi del Cascinale San Francesco (sembra proprio che questo nome sia portatore di buona sorte). L'azienda pasticcera, infatti, ha deciso di acquistare ben 30 cucce riscaldate per questo rifugio di animali abbandonati che si trova in provincia di Verona. I volontari del rifugio fanno i salti di gioia e dichiarano: "l'inverno fa meno paura, perchè sappiamo che i nostri amati pelosi avranno un luogo caldo ed accogliente da riparare, 30 casette che non suppliscono la gioia di una famiglia, ma che aiuteranno a diffondere il calore che meritano! Grazie Bauli!" L'operazione si chiama Kucciolotti Family e sostiene gli amici a quattrozampe che vivono in condizioni difficili e di abbandono. Quest'anno ci sarà una speciale edizione in versione maxi con uovo di cioccolato al latte e pelouche di ben 30 centimetri. All'interno dell'uovo c'è una sorpresina per il Continua

Pasqua pet friendly, gli italiani preferiscono le vacanze al mare

Pasqua bussa alla porta! Le temperature sono clementi e la Primavera sollecita gli animi a fare i bagagli. Un weekend o una settimana, non importa! Ciò che conta è fare i bagagli e girare la serratura di casa, lasciandosi alle spalle lo stress della routine quotidiana. Chi viaggia in compagnia di animali è fortunato: oggi sempre più strutture ricettive sono attrezzate per accogliere cani, gatti e piccoli animali. Infatti, in base ai dati raccolti dal movimento turistico delle famiglie con animali, si conta che ammontano a circa ottocentomila le famiglie che nel fine settimana di Pasqua si metteranno in viaggio. La metà pernotterà in alberghi pet friendly,  in agriturismo e nelle seconde case. Saranno invece circa 20 mila le famiglie che preferiranno spostarsi in camper. Le località più gettonate sono quelle di mare, seguite dai borghi di campagna e dalle città d'arte. (Fonte Agi) A proposito di mare, la regione più animal friendly è senza dubbio l'Emilia Romagna. Solo in provincia Continua

Cane & Cioccolato

Il giorno di Pasqua è il più dolce dell'anno: bambini e adulti scartano le deliziose uova. Perfino gli anziani dimenticano per un giorno i tassi di glicemia e si lasciano inebraiare dal gusto del cacao. Resta Fido a guardarvi con supplichevole sguardo. Vi sta chiedendo di poter condividere questo piacere del palato.  Nei casi peggiori, Fido si lancia lesto su pezzi di cioccolato caduti accidentalmente dalle mani dei bambini, divorandoli. Così come gli ovetti di cioccolato ingurgitati con tutta la carta colorata. Ma non lasciatevi impietosire e ricordate che il cioccolato è nocivo per tutti i cani, contiene infatti la teobromina (stimolante naturale trovato nella fava di cacao) che colpisce il sistema nervoso centrale e muscolo cardiaco. Gli effetti sono vomito, diarrea, aumento dei battiti cardiaci, aritmie, agitazione, iperattività, tremori, eccessiva minzione. Nei casi più gravi Fido può essere soggetto a crisi di ipertensione arteriosa e convulsioni e morte. Se desiderate Continua

Buona Pasqua!

Riempiono gli scaffali della carne dei supermercati d'Italia. Appesi al lamo d'acciaio, nelle più tradizionali macellerie di paese. Sono più di tre milioni gli agnelli che giungeranno sulle nostre tavole. Dopo solo un mese di vita, l'agnello pasquale viene strappato al richiamo della madre, stipato sui camion della morte e condotto ai lager della macellazione. Qui è sgozzato e lasciato morire dissanguato. Ma prima di lasciarci le penne, ha tutto il tempo di sentire i belati di terrore dei suoi compagni di sventura. Guarda il video sul massacro dei vitelli (Fonte: Tv Animalista). Pethotels consiglia la visione ad un pubblico di soli adulti per la violenza delle immagini: flowplayer ("player", "http://www.tvanimalista.info/site_media/flowplayer/flowplayer.swf", { clip: { url: 'http://media.tvanimalista.info/video/massacro-agnelli.flv', provider: 'lighttpd' }, plugins: { lighttpd: { url: 'flowplayer.pseudostreaming.swf' } } } ); Continua

Toscana, la culla degli agriturismi pet friendly

Sport all'aria aperta: dall'orienteering al trekking, dalle escursioni a cavallo alle passeggiate in bicicletta fino al deltaplano e al parapendio. Un mondo di sport open air per scoprire la Toscana che vanta uno splendido entroterra e ampi spazi verdi. A contatto con la natura lo spirito si rigenera e riporta il benessere fisico ad uno stato di armonia. Il cicloturista può apprezzare i paesaggi della Val D'Orcia, con i deliziosi borghi che si distendono sulle dolci colline: Montalcino, Pienza e Montepulciano; attraversare sulla sella di una bicicletta o di un cavallo la Maremma, il Parco dell'Uccellina nel grossetano, il Monte Amiata, le città della bassa Toscana. Gli appassionati di trekking hanno a disposizione splendidi itinerari: la Garfagnana, l'Amiata, le Alpi Apuane. Gli amanti del golf possono scegliere fra numerosi impianti sportivi e luoghi suggestivi in cui praticare questo sport. Fra gli ultimi arrivati, troviamo l’orienteering chiamata anche corsa di orientamento. Continua