I partiti e gli animali domestici.

  Fra poco si va alle urne, quali sono gli impegni che i partiti intendono rispettare a proposito degli animali da affezione, le aree protette e la caccia? Enpa ha pubblicato un interessante articolo sulla questione e si è detta pronta a controllare le promesse. Ci dispiace ad esempio leggere che Giannino si è dichiarato a favore della sperimentazione sugli animali e dichiara che "La sperimentazione su animali è una parte fondamentale di questo processo. Essa non deve essere proibita, ma attentamente regolata". (Lescienze.it) FRATELLI D'ITALIA ha siglato un accordo con il movimento per la caccia  e la civiltà Rurale-Associazione Cacciatori Veneti (Movimentocacciaeculturarurale.it) La LEGA NORD e il PDL sono favorevoli alla tutela degli animali da compagnia e affezione, alla cancellazione delle spese previste dal redditometro ma purtroppo sono anche favorevoli alla tutela e allo sviluppo della caccia. (Leganord.org) Futuro e Libertà e La Destra non affrontano la questione Continua

La lotta alla vivisezione per amore degli animali

Tutti noi, se ci troviamo qui, è perché amiamo gli animali. E sicuramente, se amiamo gli animali non vorremmo veder loro inflitte inutili sofferenze: sofferenze come quelle che tanti piccoli amici provano sulla propria pelle giorno per giorno, a causa della vivisezione. Purtroppo, in mancanza di una legge chiara e forte in materia, è solo con le nostre azioni quotidiane che possiamo dichiarare guerra alla vivisezione, con le nostre scelte e le nostre idee. Innanzitutto il primo passo è quello di non contribuire a questa pratica, scegliendo prodotti la cui fabbricazione non abbia comportato sofferenze per gli animali: i cosmetici sono il classico esempio, poiché molti ingredienti utilizzati all’interno, non solo sono dannosi per l’ambiente, ma sono anche stati testati su animali. Preferiamo quelli eco-bio e con il marchio “cruelty Free”. Stesso discorso vale per i farmaci: cerchiamo il più possibile di limitare l’uso di farmaci, e se possibile di utilizzare farmaci naturali. E Continua

Giornata mondiale contro Green Hill

Il Coordinamento fermare Green Hill sostiene che "La liberazione dei cani dal lager di Montichiari è un segno evidente di quanto non sia più sopportata l’idea degli animali come cavie dei vivisettori e di quanto le persone siano decise a cambiare le cose in prima persona" Manifestiamo tutti insieme contro la vivisezione: martedì 8 maggio è la giornata mondiale contro Green Hill e la sperimentazione scientifica sugli animali. Oltre alle città italiane la protesta (che avrà inizio alle ore 14) si terrà anche fuori dai consolati e dalle ambasciate italiane di New York Amsterdam, Londra, Parigi, Varsavia, Bruxelles, Madrid, Atene, Cape Town, Adelaide... (foto: Il Fondo magazine) La manifestazione di protesta vorrebbe infatti influenzare la XIV Commissione del Senato che il 9 maggio esaminerà gli emendamenti al testo dell’articolo 14 per il recepimento della direttiva europea sulla sperimentazione animale. Scrivi nello spazio dedicato ai commenti, luogo e ora in cui si terrà Continua

In piazza con la LAV contro i test cosmetici sugli animali

Continua la battaglia contro la vivsezione. Scendiamo in piazza per dire NO alla ricerca scientifica e ai test cosmetici su animali, il 17 e 18 marzo 2012 insieme all'associazione LAV. I volontari raccoglieranno le firme e venderanno le uova di Pasqua della LAV, con cioccolato equosolidale. "Ogni anno nei laboratori italiani si mandano a morte circa 900 mila animali, che salgono a ben 12 milioni nell’Unione Europea: morti inaccettabili, rifiutate da un numero crescente di cittadini informati, sensibili ed esigenti tanto sul piano etico che sul piano scientifico". (Fonte: LAV) Firma online, clicca qui Continua

Green Hill e la vivivesezione: ecco chi ha votato a favore.

Volete conoscere la lista dei deputati che ha votato a favore della sperimentazione? Cliccate qui Nonostante loro, l’articolo 16 ha avuto nella votazione finale: 380 sì, 20 no, 54 astenuti. Quindi adesso il testo passa al Senato. La LAV dichiara "E lì continueremo la battaglia con le altre associazioni animaliste e della ricerca". Al convegno svoltosi il 1° febbraio a Roma, intitolato “Ricerca: l’Italia non perda il treno per una scienza sicura e senza animali. I principi e i criteri direttivi per l'attuazione della direttiva europea” hanno partecipato le associazioni animaliste e per la ricerca Enpa, I-Care, LAV, Leidaa, Lega difesa del cane, Limav e Oipa. Massimo Comparotto, presidente Oipa Italia ha dichiarato: “La chiusura di Green Hill, il divieto di alcune forme di sperimentazione sugli animali, l’incentivazione dei metodi alternativi, possono essere una realtà, si tratterebbe di concreti passi in avanti, con nostro obiettivo l’abolizione della vivisezione, Continua

Sciopero della fame e proteste contro Green Hill – l’appello di Pethotels

Pethotels non può restare indifferente - non lo è mai stata - alla protesta di chi vorrebbe chiudere il canile lager di Montichiari. Stiamo parlando di Green Hill, anche se sarebbe meglio ribattezzarlo Green Hell perché è un vero e proprio inferno per i beagles che vengono allevati al suo interno. E' un inferno anche per tutti quelli che amano gli animali e stanno lottando perché questa fabbrica di inciviltà chiuda definitivamente i battenti. Pethotels è vicino agli attivisti che in questi giorni stanno protestando e scioperando con il digiuno di fronte ai cancelli del municipio di Montichiari. Si tratta di un gruppo di volontari del coordinamento "Fermare Green Hill".  Ti invitiamo a lsciare un pensiero di sostegno agli attivisti nella sezione dedicata ai commenti. Continua