Pipistrelli, i migliori amici dell’uomo e dell’ambiente

Nella cultura europea, il pipistrello ha rivestito un ruolo malefico: la prima associazione fra vampiro e pipistrello nasce nel Settecento. Ma già nel Medioevo, il diavolo sfoderava ali simili a quelle del pipistrello. Oggi, le credenze e le vecchie superstizioni lasciano il posto ad un nuovo significato, in chiave benefica.

Impiegare i pipistrelli nella lotta biologica ai parassiti. Lo stanno facendo con successo in Usa.
Il pipistrello è in grado di sterminare fino a 10mila insetti al giorno. Ma ha bisogno di una sicura dimora, come pertugi, anfratti, sottotetti. Per questo, è nata la bat-box una specie di cassetta-nido artificiale che gli agricoltori americani hanno installato nei campi.

In termini di risparmio, l’impiego di questi animali significa una riduzione importante nella spesa di acquisto di pesticidi. Che si traduce in minore inquinamento del terreno, delle falde acquifere e dei prodotti alimentari.

I pipistrelli si nutrono anche di zanzare, potrebbero quindi contrastare la diffusione della zanzara tigre in città. Di recente sono state installate alcune bat-box in quartieri urbani ad Asti e a Roma. La lotta biologica alle zanzare significa niente insetticidi, disinfestazioni, candele alla citronella.
Sul sito della Lipu è possibile acquistare le cassette-nido. Ma è altrettanto facile costruirle.
Gli zoologi del Museo di Storia Naturale di Firenze spiegano, step by step, come riprodurre una bat-box per pipistrelli.
Il luogo migliore in cui posizionare la cassetta è in cima ad un albero o sotto la grondaia. L’importante è che sia installata in alto, per proteggere il pipistrello da eventuali predatori.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica:

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>