I partiti e gli animali domestici.

  Fra poco si va alle urne, quali sono gli impegni che i partiti intendono rispettare a proposito degli animali da affezione, le aree protette e la caccia? Enpa ha pubblicato un interessante articolo sulla questione e si è detta pronta a controllare le promesse. Ci dispiace ad esempio leggere che Giannino si è dichiarato a favore della sperimentazione sugli animali e dichiara che "La sperimentazione su animali è una parte fondamentale di questo processo. Essa non deve essere proibita, ma attentamente regolata". (Lescienze.it) FRATELLI D'ITALIA ha siglato un accordo con il movimento per la caccia  e la civiltà Rurale-Associazione Cacciatori Veneti (Movimentocacciaeculturarurale.it) La LEGA NORD e il PDL sono favorevoli alla tutela degli animali da compagnia e affezione, alla cancellazione delle spese previste dal redditometro ma purtroppo sono anche favorevoli alla tutela e allo sviluppo della caccia. (Leganord.org) Futuro e Libertà e La Destra non affrontano la questione Continua

Torino s’illumina di speranza: fiaccolata in difesa degli animali

E' Natale per tutti! Anche per gli animali che, durante le festività, si ritrovano sulla nostra tavola imbandita a festa, sottoforma di pietanze. Per tutelare gli animali, si  celebra una grande fiaccolata a Torino. L'appuntamento è per sabato 11 dicembre alle ore 16 in piazza Castello (angolo via Garibaldi). Il corteo animalista percorrerà le vie del centro. Partecipano all'evento le più importanti associazioni come LAV, OIPA, OLTRE LA SPECIE, VEG FESTIVAL E VITA UNIVERSALE. Marcello dell'Eva, presidente  Movimento Vegetariano,  esorta a partecipare numerosi: "Gli animali non hanno una voce, nella nostra società sono considerati fonti di guadagno e per questo trattati al pari di oggetti inanimati. Soffrono negli allevamenti intensivi dove non possono vivere nemmeno l'ombra della vita che avrebbe previsto per loro la natura. Stipati nei camion arrivano al macello sfiniti e doloranti per poi essere fatti a pezzi ancora semivivi e poi venduti per il piacere del palato degli uomini. Continua

Asiago redige un manifesto a favore dell’orso Dino.

Sul sito del turismo del Comune di Asiago, si legge che "L'orso bruno, considerato da una direttiva CEE una specie di interesse prioritario, dalla fine dell'800 era di fatto scomparso dall'Altopiano di Asiago. Oggi, grazie alla straordinaria integrità del nostro ambiente, l'orso è tornato a popolare le nostre montagne. Il messaggio che l'Assessorato al Turismo di Asiago lancia con questa campagna pubblicitaria é quello di invitare i turisti a venire ad Asiago proprio per la ricchezza naturale che presenta il territorio, un ambiente incontaminato, unico nella sua conformazione orografica e paesaggistica che vuole divenire la metà privilegiata per chi intende immergersi nella natura, magari con l'emozione di incontrare l'orso. La presenza dell'orso ad Asiago non é più un fatto isolato bensì una costante di questi ultimi anni. Segno tangibile dell'adeguatezza del nostro ecosistema verso le esigenze dei plantigradi". Se l'orso Dino fosse trasferito in Slovenia, ne andrebbe della Continua

Fuccelli: si all’orso Dino, no al boicottaggio!

In merito all'ORSO DINO Pethotels ha sentito l'opinione di Stefano Fuccelli, presidente nazionale del Partito Animalista Europeo. L'orso M5 sta facendo parlare di sé, scatenando un polverone mediatico che potrebbe avere ripercussioni anche dal punto di vista economico. "Mi devo limitare ad esaminare il tema sotto un profilo etico e non tecnico, non conoscendo le abitudini e i comportamenti di un orso all'interno della collettività", spiega Fuccelli. Su Facebook, il gruppo che difende l'orso Dino, ha lanciato una campagna di boicottaggio del formaggio Asiago. Potrebbe quest'arma essere efficace affinché l'Orso Dino non venga trasferito in Slovenia? "A mio avviso non è una buona idea boicottare commercialmente dei prodotti locali ciò alimenterebbe maggior attriti e contrasti, viceversa potrebbe essere un'iniziativa valida quella di associare la presenza dell'orso Dino con il formaggio Asiago, applicandosi un minimo potrebbe nascere un ottimo spot pubblicitario". Gli amici Continua

A caccia con eleganza: il Setter Inglese

E' l'alba. Una sottile foschia avvolge i campi e i boschi. L'aria, frizzante e fresca, preannuncia la stagione autunnale assieme ai colori che vanno digradando dal giallo al rosso. Nella bruma si distinguono alcune figure: sono i cacciatori, seguiti dai loro fidi compagni, i cani da caccia. Qual è la razza che balza subito in mente quando si parla di selvaggina, punta e fiuto per la preda? Esatto, il Setter Inglese, un cane che sembra nato espressamente per la caccia ma che abbina la figura elegante e snella al carattere tranquillo. Quali sono le caratteristiche peculiari che fanno di questo cane il perfetto compagno durante la caccia? La capacità  di apprendere velocemente e con facilità  le nozioni che gli vengono impartite e che non dimenticherà  più; l'olfatto sensazionale, in grado di distinguere una grande gamma di odori diversi e di percepire ed individuare una preda con sicurezza; l'elevata resistenza al caldo, che gli permette di ottenere buone prestazioni anche durante Continua