In piazza con la LAV contro i test cosmetici sugli animali

Continua la battaglia contro la vivsezione. Scendiamo in piazza per dire NO alla ricerca scientifica e ai test cosmetici su animali, il 17 e 18 marzo 2012 insieme all'associazione LAV. I volontari raccoglieranno le firme e venderanno le uova di Pasqua della LAV, con cioccolato equosolidale. "Ogni anno nei laboratori italiani si mandano a morte circa 900 mila animali, che salgono a ben 12 milioni nell’Unione Europea: morti inaccettabili, rifiutate da un numero crescente di cittadini informati, sensibili ed esigenti tanto sul piano etico che sul piano scientifico". (Fonte: LAV) Firma online, clicca qui Continua

Green Hill e la vivivesezione: ecco chi ha votato a favore.

Volete conoscere la lista dei deputati che ha votato a favore della sperimentazione? Cliccate qui Nonostante loro, l’articolo 16 ha avuto nella votazione finale: 380 sì, 20 no, 54 astenuti. Quindi adesso il testo passa al Senato. La LAV dichiara "E lì continueremo la battaglia con le altre associazioni animaliste e della ricerca". Al convegno svoltosi il 1° febbraio a Roma, intitolato “Ricerca: l’Italia non perda il treno per una scienza sicura e senza animali. I principi e i criteri direttivi per l'attuazione della direttiva europea” hanno partecipato le associazioni animaliste e per la ricerca Enpa, I-Care, LAV, Leidaa, Lega difesa del cane, Limav e Oipa. Massimo Comparotto, presidente Oipa Italia ha dichiarato: “La chiusura di Green Hill, il divieto di alcune forme di sperimentazione sugli animali, l’incentivazione dei metodi alternativi, possono essere una realtà, si tratterebbe di concreti passi in avanti, con nostro obiettivo l’abolizione della vivisezione, Continua

In marcia contro la caccia

Chi parteciperà fra voi alla marcia della pace Perugia-Assisi? L'iniziativa per urlare NO alla CACCIA. Domenica 25 settembre 2011 si svolge la manifestazione nazionale contro questo sport sanguinario. Fatelo 'Perché anche la caccia è una forma di guerra, una guerra contro gli animali, vittime innocenti senza mezzi per difendersi. Perché l’Umbria è la regione a più alta densità di cacciatori, ma è anche la culla del francescanesimo'. (Fonte: LAV) Alla marcia contro questo maledetto sport saranno presenti, oltre alla LAV, anche le associazioni AIDAA, Animalisti Italiani. Associazione vittime della caccia, Enpa, Italia Nostra, Lac, Lipu, No alla caccia, Oipa, Vas e Italia Meravigliosa. Chiedete maggiori informazioni: noallacacciaperugiassisi2011@yahoo.it Se viaggi in compagnia del tuo amico a 4 zampe, cerca un hotel pet friendly ad Assisi su Pethotels.it   Continua

Test cosmetici sugli animali, firma NO insieme con LAV

Fra un paio d'anni, precisamente l'11 marzo 2013 dovrebbe entrare in vigore il divieto assoluto di testare materie prime cosmetiche sugli animali. Fino a quella data LAV fa girare una petizione per raccogliere le firme e dire NO ai cosmetici testati sugli animali. Chiunque voglia aderire all'iniziativa potrà farlo, cliccando qui Nelle maggiori piazze italiane troverete i banchetti LAV con materiale informativo e i volontari pronti a diffondere il più possibile questa iniziativa. Gli appuntamenti si ripetono nei weekend 2 e 3 aprile, 9 e 10 aprile 2011.  Ecco la lista delle piazze per avere tutti gli aggiornamenti. Continua

Botti di fine anno, animali a rischio

La LAV chiede che sia emanata un'ordinanza che vieti l'utilizzo di petardi, botti e altri oggetti pirotecnici a Roma e in tutti i comuni d'Italia. Servirebbe per tutelare la salute di uomini e animali. Per questi ultimi, i festeggiamenti rumorosi sono un'insopportabile sofferenza, oltre alla possibilità di subire ferite e bruciature, gli animali perdono l'orientamento e si danno alla fuga improvvisa, scavalcando recinti e cancelli, spesso con conseguenze tragiche come gli investimenti sotto le auto. Enpa invita chiunque abbia un animale, a prendere precauzioni: tenete sempre al guinzaglio il vostro cane persino quando siete in aree dove non è previsto questo obbligo come il parco; nei giorni delle feste, tenete al riparo il vostro cane anche se è sbituato a vivere all'aperto; mettete al collare del cane o gatto la medaglietta con inciso indirizzo e telefono; in casa, alzate il volume della tv o radio in modo che possa confondere i rumori esterni. Continua

Clima & Bistecche, uno scenario apocalittico

Nell'articolo intitolato "Meet the new meat: Tissue engineered skeletal muscle" pubblicato su  Trends in Food Science & Technology si parla di usare i bioreattori per generare carne. Fra 10 anni forse non ci sarà più alcun bisogno di allevare animali.  Si tratta di un nuovo approccio per la produzione di carne in grado di ridurre se non azzerare i rischi di malattie infettive degli animali e dell'inquinamento ambientale attraverso emissioni di gas a effetto serra. La dottoressa Marloes Langelaan dell'Università di Eindhoven in Olanda spiega i criteri per coltivare le cellule muscolari di maiale, pollo o bovino (come già si fa con la birra, lo yogurt e l'insulina), per aumentare la fattibilità della produzione di carne in vitro, che comprendono la ricerca di una fonte adeguata di cellule staminali e di essere in grado di crescere in un ambiente tridimensionale all'interno di un bioreattore. Al progetto dei biologi olandesi si è interessata anche la NASA, perché generare carne Continua