Sterilizzazione gratuita di cani e gatti a Roma

Lo slogan 'Se lo ami lo sterilizzi' è stato lanciato da Asta (Associazione per la salute e la tutela degli animali) per promuovere la campagna di sterlizzazione gratuita per cani e gatti. Possono ususfruirne coloro che ricevono una pensione minima o sociale, le persone che hanno un reddito non superiore ai 15mila euto all'anno e tutti i disoccupati e non occupati. E' sufficiente recarsi alla sede dell'associazione Asta, in via Sante Bargellini 18 a Roma, dal 1° al 30 novembre (dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 19). Questa campagna è realizzata in collaborazione con l'assessorato all'Ambiente di Roma Capitale, per contrastare il sovraffollamento dei canili e diminuire il costo sociale per il mantenimento dei randagi. Altre associazioni animaliste in Italia, come quelle di Catania, Palermo e Bologna si sono rivolte ad Asta per sapere come promuovere questa campagna anche nelle proprie regioni. Per informazioni: info@associazioneasta.org Nelle vostre città, esiste una campagna Continua

Appello dei volontari dei canili: “Non adottate cani per poi abbandonarli”

Savona. La sezioni di Savona e della Val Bormida della Lega nazionale per la difesa del cane lanciano un grido di allarme. "Esprimiamo seria preoccupazione per un dilagante fenomeno che negli ultimi tempi si sta verificando: quasi quotidianamente riceviamo richieste da persone proprietarie di cani che, con le più svariate motivazioni, chiedono di poter lasciare il loro animale in canile" denuncia l'associazione, che poi spiega: "Il problema sta diventando molto serio, in quanto dimostra chiaramente quanta ignoranza ci sia nei confronti degli animali, anche da parte di chi è convinto di amarli". "I cani sono animali sociali, la famiglia in cui crescono è il loro branco e il punto di riferimento. Ritrovarsi all'improvviso rinchiusi in un box, da soli, con pochi minuti al giorno per uscire, è causa di forte stress e grande sofferenza che in alcuni casi sfocia addirittura in malattia" proseguono i volontari della Lega per la difesa del cane che, tra l'altro, sono impegnati anche Continua

Maltrattamento animali: interviene la Lega del Cane

La Lega Nazionale Nazionale per la Difesa del Cane, è intervenuta dopo aver appreso di una esemplare sentenza emessa dal Tribunale di Ventimiglia (Giudice Paolo Luppi).Un allevatore di Olivetta San Michele, già  recidivo in materia di maltrattamento di animali, è stato giudicato colpevole dei reati di: mancanza di rispetto per gli animali e nelle conseguente completa indifferenza al dolore provato dagli stessi, e per aver cagionato la morte di cinque capre (senza la necessità ) e di un agnello, confinandoli all'interno di un recinto sprovvisto di adeguata copertura, esponendoli alle intemperie per giorni e giorni, privandoli di acqua, mantenendoli nella sporcizia dei loro escrementi, omettendo di prestare loro le cure necessarie, dunque, cagionando uno scadimento fisico inverosimile degli animali, che portava alla loro morte. L'uomo è stato interdetto dalle attività  di trasporto, commercio ed allevamento di animali per sei mesi e condannato a sei mesi di reclusione, con la riduzione Continua